E se Internet fosse un frullatore?

E se Internet fosse un frullatore, invece che una fotocopiatrice, come dice Massimo Carraro, riprendendo un post di Kevin Kelly (fondatore di Wired)?

Forse la metafora è più adatta. I contenuti vengono rimasticati, rimescolati e rigurgitati, ogni volta un po’ diversi da prima, non fotocopiati. In queste piccole mutazioni sta la forza del network, dal mio punto di vista. Per esempio questo post non è la fotocopia del suo, ma un frullato del suo, di quello di Kelly e di altri pensieri…

Tag: Internet è un frullatore

Annunci

6 pensieri su “E se Internet fosse un frullatore?

  1. baldo

    Il frullatore mi convince, forse un po’ violenta come immagine: dei contenuti originari rimane ben poco. In internet bene o male rintracci sempre tutto…

  2. max

    sì, anche il frullatore è una belle metafora.

    il superguru però mi promette di “selling the free” attraverso questi qualità irriproducibili: immediatezza, personalizzazione, interpretazione, autenticità, accessibilità, fisicità, reperibilità, patronage (non sono riuscito a tradurlo, sta a significare il fatto che qualcuno sia disposto a riconoscere un valore in denaro al tuo lavoro).

    selling the free… I love supergurus!

  3. Pingback: Alessandro Stagni's Weblog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...