Archivio mensile:luglio 2008

Mediaset Vs. YouTube

Ecco un argomento di conversazione per i prossimi mesi… la causa da 500 milioni di Mediaset a YouTube ūüôā

Corriere

Reuters IT

Reuters UK

Reuters.com

e una valanga di blog in pochi secondi . . .

[visto su LK autore della perizia legale]

Annunci

La courtesy page: esserci anche quando non ci si √®

Vi consiglio di leggere l’interessante post di Sean Carlos su AnteZeta che traccia una piccola e divertente analisi con delle interessanti considerazioni riguardo la courtesy page di alcuni dei servizi pi√Ļ noti sul web. La courtesy page √® la pagina che appare quando un sito non √® raggiungibile e, verosimilmente, ci sono dei problemi. E’ una piccola situazione di crisi in cui diventa importante rinsaldare il legame di fiducia col visitatore e informare in modo tempestivo e completo. Ma pu√≤ anche essere l’occasione di strappare un sorriso, dimostrando contemporaneamente di avere cura del proprio pubblico sin nei dettagli.

Vai al post su AnteZeta

(Qui sotto la celebre e ironica courtesy page di Twitter)

Virale da record! Randy Pausch: 6 milioni di visualizzazioni in 3 giorni

Cosa dovete fare per ottenere tutta questa visibilità?

1) morire

2) essere stati in vita uno dei professori p√Ļ amati e innovativi della Carnegie Mellon University

Il titolo di questo post è una provocazione, ovviamente, ma forse tra le tante lezioni del Professor Pausch, morto il 25 luglio di tumore al pancreas e la cui ultima lezione (qui) sta spopolando sul web, ci può stare anche quella che i contenuti vengono prima di tutto il resto su Internet, anche se dovete fare marketing.

UPDATE: QUI la trovate coi sottotitoli (grazie Dr Who)

Lezione di vita

Randy Pausch √® un giovane professore della Carnegie Mellow University morto pochi giorni fa a 47 anni per un tumore al pancreas. E’ stato uno dei professori pi√Ļ brillanti e innovativi della prestigiosa universit√† di Pittsburgh che ha sedi in tutto il mondo e cofondatore dell’Entertainment Techonlogy Center nonch√© del programma di formazione per la progettazione in 3D Alice.

Qui sotto vi incollo la sua ultima lezione: dura 1 ora e 16 minuti, ma √® una delle lezioni pi√Ļ affascinanti e interessanti a cui possiate assistere. Dovete ringraziare Internet per questa possibilit√† di espansione della conoscenza, per cui oggi noi (assieme a altri 6 milioni di persone che l’hanno guardata negli ultimi giorni) possiamo assistere a una lezione universitaria fisicamente cos√¨ lontana da noi, e dovete sapere l’inglese, come minimo, per cogliere davvero le opportunit√† di conoscenza che il mondo oggi offre.

La lezione, tenuta qualche mese fa, quando la sua diagnosi √® diventata definitiva, si intitola: Come raggiungere i propri sogni d’infanzia e, in realt√†, √® dedicata ai suoi tre figli.

UPDATE: QUI la trovate coi sottotitoli (grazie Dr Who)

L’omaggio della Carnegie Mellow University a Randy Pausch lo trovate qui.

Il diario degli ultimi mesi di Randy Pausch qui.

[via Massimo Moruzzi]

E se il banner diventasse una conversazione?

Prendo spunto dall’ottimo post di qualche giorno fa di Gianluca Diegoli (lo trovate qui) e da una provocazione da parte di RyanAir ripresa da molti blog in questi giorni, in particolare da Antonio Tombolini (qui) che la identifica come una nuova forma di comunicazione aziendale.

In Sintesi RyanAir mette in Home Page un banner molto appariscente con Umberto Bossi che fa il dito medio. Cos√¨ facendo RyanAir contesta apertamente le scelte del governo verso Alitalia, bollandole come dannose per i consumatori. Il banner linka a offerte a caso di voli a 10‚ā¨.
Continua a leggere

One creates my presence, the other announces my temporality.

Uno stabilisce la mia identit√†, l’altro notifica la mia temporalit√†.

E’ la (come sempre) geniale, istintiva, precisa e divertente sintesi di David Weinberger (leggete qui chi √®) sulla differenza tra:

– I social networks Internet-based (basati su Internet: per capirci facebook, myspace… posti dove creo un mio spazio e una mia identit√†, una mia presenza … presence… online su Internet)

– I social networks Mobile-based (basati sul cellulare: quelli pensati e costruiti per teenager e per essere fruiti via cellulare, dove raccontare i propri istanti di vita… temporality… , che sembrano essere una nuova frontiera di mercato)
Continua a leggere