Mors tua, vaccino meo.

Anche questa settimana si è vaccinata un sacco di gente nel mio feed di facebook. Giornalisti, docenti, che però sono consulenti che hanno un corso in qualche università, rigorosamente in DAD. Spesso “esperti di comunicazione”, che mica però l’han gestita bene questa cosa…

Son contento per loro: è gente che ha spesso 10/15 anni meno di me e probabilmente un rischio di malattia grave da Covid-19 pari a 1/3 o /14 che il mio. Anche se mi è oscuro perché loro debbano aver ricevuto il vaccino e io no, son contento per loro, davvero.

Non lo vorrei aver fato al posto loro, il vaccino.

Continua a leggere

La voce di Draghi, i gesti di Grasso.

E stata una sensazione simile a quella di bere finalmente acqua fresca e pulita a una fontana dopo essersi dovuti dissetare troppo a lungo con aqua di fosso o chiusa troppo a lungo in vecchie bottiglie di plastica.

Due piccole cose mi hanno colpito e lasciato questo senso di pulizia e positività in questo semplice video.

  1. La voce di Mario Draghi, gioiosa e squillante, quanto seria e determinata. Perfettamente bilanciata e ritmata tra attimi di entusiasmo e pause di gravità, che mai cede alla sfiducia. Parole precise, ma sempre chiare. Mai una inflessione o un pensiero fuori luogo. “Le sfide che ci confrontano” fanno meno paura quando chi parla parla di (e incarna) “risposte all’altezza della situazione“. Dopo mesi passati a subire gli annunci affettati di Conte e i panegirici melliflui di Arcuri e come se qualcuno avesse aperto una finestra e un’aria fresca, primaverile, occupasse velocemente una stanza da troppo chiusa e si tornasse a respirare dopo un tempo immemore l’aria che s dovrebbe respirare sempre.
  2. A fare da contraltare a questa voce in primo piano un siparietto di gesti, quelli di Giovanni Grasso, il Capo Ufficio Stampa del Quirinale e dei sul assistente alto come un corazziere e piacevolmente incurante come un consumato cameriere di Piazza San Marco a Venezia. I microfoni di Draghi vanno alzati verso l’altro un pochino. Grasso parla rivolgendosi fuori inquadratura alla sua destra, presumibilmente con un tecnico del suono: si capiscono senza parole e quando gira il capo verso il suo assistente in frac color Savoia, fuori inquadratura dal lato opposto, anche lui ha già capito. Grasso traccia con le dita un percorso e noi vediamo una luce fosforescente segnare la via e sentiamo parole impossibili: “gli giri attorno, non lo copri, lo alzi (il microfono) e te ne vai da dove sei venuto!” E un istante dopo lo scudiero fa esattamente cosi, come l’avessero provata mille volte.

Due incarnazioni di qualità e professionalità che, per una volta, senza i laccioli dei sotterfugi e dei sottintesi della politica danno mostra di sé.

Chiudete gli occhi e ascoltatele messe in fila queste tre voci. Basta un suono a identificare senza ombra di dubbio la persona. Ma anche a rivelarla. Quante cose descrivono e raccontano…

Non c’è bisogno di altre parole. Non c’è bisogno, in effetti, nemmeno delle loro parole. Potrebbero essere parole qualunque,. Si dice lo sguardo non mente, ma la voce mente ancor meno. Ha una potenza narrativa e rivelatrice enorme.

Si parla molto dell’era della voce del web, con podcast,. news, audiolibri, Clubhouse e mille formati baricentrati sull’esperienza vocale,. Una nuova età della Radio, se vogliamo, nei nuovi anni ’20 di questo secolo. Ecco, oggi forse ci avviamo a cambiare governo, di sicuro abbiamo cambiato voce. E a servi e portavoce resta la porta. Speriamo di sentire a lungo queste note nuove.

Concretezza che si conferma al primo Consiglio dei Ministri, cove Draghi detta la linea sulla comunicazione.

May be an image of 1 person and text that says 'La Comunicazione secondo Draghi "Noi comunichiamo quello che facciamo. Non abbiamo fatto ancora niente e non comunichiamo niente" Mario Draghi'

Il tuo vaccino è di marca?

🇬🇧 English below. 👇

Tutto è cominciato con la corsa ai vaccini. Con discorsi sul fatto che fosse importante ce ne fossero più di uno (la cara vecchia e sana concorrenza, insomma).

Quale sarà “il più veloce“: Pfizer/BionTech, Astra Zeneca o Moderna? E questo lo rende un vaccino migliore o frettoloso e pericoloso, meno sicuro? Anche l’attesa con le date, le code, i punti di distribuzione ricalca il modello delle release dei prodotti di avanguardia come un ultimo modello di iPhone.

Si è parlato anche di origine e filiera produttiva: il vaccino russo, cinese, americano, tedesco, turco, tedesco-turco, inglese… come le olive o le nocciole: piemontesi o turche?

Dopo è stato il momento della corsa sui tempi di consegna e di disponibilità (stock) e del conseguentemente approvvigionamento: 200 milioni di dosi, 600 milioni di dosi, 1 miliardo di dosi. Quale produttore ne avrà per tutti?

A ruota è arrivata la competizione sull’efficacia: 90%, 94%, 94,5%, 95% il mio vaccino vaccina più del tuo. Ma mancano ancora i test e le approvazioni delle varie agenzie governative (FDA, EMA etc tc). Una vera e propria fora di pubblicità comparativa.

Una ulteriore, seppur minoritaria, discussione ha avuto luogo sugli ingredienti, chiamiamoli così, dei vari vaccini o sulla ricetta: uno va conservato in frigo per preservare (la freschezza?) l’efficacia, un altro ha l”RNA messaggero” e la memoria (quanta?) anticorpale.

Più ci avviniamo al lancio più arrivano altri elementi di assonanza con la gramatica e la logica dei brand: i test e i focus group (qui cavie o volontari).

Poteva mancare il purpose? Distinguere cioé tra un vaccino che “protegge solo chi lo fa” rendendolo immune dalla malattia oppure un altro che “svolge una funzione sociale” arginando la diffusione del virus? No che non poteva.

Ci sarà un certificato (di autenticità?) per dimostrare che si fatto il vaccino: ripoterà anche quale si è fatto? Andrà bene un vaccino qualunque in tutto il mondo o ci saranno Paesi che avranno delle white list di vaccini riconosciuti?

Infine la distribuzione, con una campagna a nostro modo di vedere quanto mai inopportuna e sballata nelle priorità strategiche e nei toni il governo ci informa che ci sarà un vero e proprio roadshow con tanto di padiglioni a forma di primula nelle piazze italiane.

Insomma che siano le marche a inseguire i modelli sociali o viceversa è realistico pensare che la “marca” dei singoli vaccini possa giocare un ruolo non secondario nella scelta governativa, individuale e nelle vite dei vaccinati. E infatti (Edit 26/2/2021) due mesi dopo questo articolo ecco il NY Times che racconta come in Germania il vaccino Pfizer (tedesco) sia conteso, mentre quello Astra Zeneca (inglese e con dubbi sulla affidabilità) venga addirittura rifiutato, preferendo non farlo.

No photo description available.

Vi vengono in mente altri esempi di Vaccin Branding? Lasciateli nei commenti così che si possa integrare il post.

🇬🇧 What brand is your vaccine? 🇬🇧

It all started with the vaccine rush. With discussions about the fact that it was important that there were more than one (good old and healthy competition, in short).

Which will be “fastest“: Pfizer / BionTech, Astra Zeneca or Moderna? And does that make it a better vaccine or hasty and dangerous, less safe? Even the wait with dates, queues, distribution points follows the model of the releases of cutting-edge products such as a latest model of the iPhone.

There was also talk of origin and production chain: the Russian, Chinese, American, German, Turkish, German-Turkish, English vaccine … like olives or hazelnuts: Piedmontese or Turkish?

Then it was time for the race on delivery times and availability (stock) and the consequent supply: 200 million doses, 600 million doses, 1 billion doses. Which producer will have it for everyone?

Next came the competition on effectiveness: 90%, 94%, 94.5%, 95% my vaccine vaccinates more than yours. But the tests and approvals of the various government agencies (FDA, EMA etc tc) are still missing. A form for comparative advertising indeed.

A further, albeit minority, discussion took place on the ingredients, let’s call them, of the various vaccines or on the recipe: one should be kept in the fridge to preserve (the freshness?) The effectiveness, another has the “messenger RNA” and the memory (how much?) antibody.

The closer we get to the launch the more other elements of assonance with the grammar and logic of the brands arrive: tests and focus groups (here guinea pigs or volunteers).

Could the purpose be missing? That is, to distinguish between a vaccine that “protects only those who do it” making them immune to the disease or one that “performs a social function” by stemming the spread of the virus? No he couldn’t.

There will be a certificate (of authenticity?) To prove that the vaccine was made. Will any vaccine be fine anywhere in the world or will there be countries that will have white lists of recognized vaccines?

Finally, the distribution, with a campaign in our view very inappropriate and busted in strategic priorities and in tone, the government informs us that there will be a real roadshow with lots of primrose-shaped pavilions in the Italian squares.

In short, whether it is brands that follow social models or vice versa, it is realistic to think that the “brand” of individual vaccines can play a non-secondary role in the government, individual choice and in the lives of the vaccinated. And in fact (Edit 26/2/2021) two months after this article here is the NY Times which tells how in Germany the Pfizer vaccine (German) is in high demand, while the Astra Zeneca (English and with doubts about reliability) is even rejected, preferring do not do any.

Can you think of other examples of Vaccin Branding? Leave them in the comments so that we can integrate the post.

Quaranta minuti col sistema sanitario giapponese.

Passo una buona parte dell’anno in Giappone per ragioni familiari e professionali, pur non avendo cittadinanza, residenza né alcun visto particolare se non quello turistico che ricevono tutti in forma di timbro sul passaporto all’atterraggio che consente di passare nel Paese tre mesi e null’altro.

Standoci a lungo capita anche di ammalarsi e settimana scorsa mi sono preso una brutta tosse. Sommata al jet lag e al poco sonno non passava, anzi. Dopo qualche aspirina penso che forse sarebbe il caso di prendere un antibiotico e chiedo a mia moglie (giapponese) di andare “dal dottore” per avere una prescrizione di un antibiotico per la tosse. Detto fatto, ci rechiamo, scortati dalla mamma di mia moglie presso un piccolo centro medico di un piccolo paesino di provincia.

Continua a leggere

4 marzo 2018. L’unico voto col segno “Più”. 

Siete tra gli indecisi per il voto di domenica prossima? Anche io. Sono un indeciso cronico. La mia storia del voto è una scheda bianca così grande che potrebbe assomigliare a una bandiera… bianca. Ma non mi sono ancora arreso, la speranza è sempre quella, poter dare un voto vicino ai propri interessi, compatibile coi propri ideali e coerente con la propria etica. Oltre ad aver votato poco (1 o 2 volte radicale tra i 20 e i 30 e 1 o 2 volte PD (o DS/PDS non ricordo gli anni esatti…) tra i 30 e i 40, ho disertato comunali, regionali, nazionali… ) ho anche fatto poca e nulla “campagna”. Non ho quasi mai manifestato il mio voto, né le mie intenzioni di voto. Ho auto la tessera del partito radicale a 18 anni per un anno durante l’operazione di salvataggio di Pannella. Mai altra tessera. Non ho mai fatto proseliti o opera di convincimento di parenti e amici per farli votare per qualcuno. Trovo il voto un fatto intimo, privato.  Continua a leggere

Arriva Mobike a Milano. Eccolo testato sul casa-ufficio (5km).

Da qualche giorno sono a disposizione a Milano le prime bici di Mobike, il bike sharing cinese in free floating. L’ho usato sul mio abituale tragitto casa-ufficio, ecco un video con le impressioni.

In sintesi:

Pro -> Prendi e lasci le bici dove vuoi / ottima App / leggere e maneggevoli / poca manutenzione.

Contro -> lente / piccole / rigide / niente cambio/ costano dal primo minuto.

 

 

Mobike per AndroidMobike per iOs

 

Per “par condicio” nei giorni successivi ho testato, sullo stesso identico percorso il BikeMi elettrico, che di solito uso ogni giorno. È un servizio ottimo, che invita i soggetti più deboli a usare le bici, chi ha carichi pensati o chi non vuole sudare nei mesi caldi. Ma ha anche dei problemi logistici, essendo la frequenza di bici scariche, che costringono a odiosi cambi e attese, altissima. Parola di un abbonato con due tessere che lo usa tutti i giorni. Qui una disavventura (4 cambi di bici necessari per 3 bici scariche consecutive) che capita 1 volta ogni 3 o 4 giornate. Troppo.

 

Insomma. Ottime iniziative, fatte così così. Si può intervenire e renderle più usabili e efficienti. L’uso della bici per andare al lavoro è stato calcolato riduca la mortalità e le malattie abbassando i costi della sanità pubblica. E lascia le città più pulite e vivibili, a patto, ovviamente di avere una classe dirigente (locale e nazionale) che crea le infrastrutture e servizi accessibili, non che pensa alle bici solo per le campagne elettorali. Attendiamo fiduciosi.

 

Cosa può fare lo smartphone per i terremoti? EEW il sistema di early warning giapponese.

Il Giappone ha due primati, uno per le telecomunicazioni, con una rete mobile da sempre all’avanguardia, dall’altro quello dei terremoti, per frequenza e intensità. I sistemi di alert e crisis management giapponesi nei disastri, sono in fine sofisticatissimi. Vediamo come l’alert system per i terremoti fa uso della rete mobile giapponese.

Cosa succede poco prima di un terremoto in Giappone?

Se avete un telefono giapponese il vostro cellulare si attiverà e emetterà a volume massimo un suono tristemente noto con un messaggio che indica zona e intensità del sisma. Dopo qualche secondo (da 1-2 a 30) arriverà l’onda sismica. Secondi preziosi per mettersi al riparo o evacuare edifici a rischio (ben pochi in Giappone) o sospendere attività pericolose.

 

Continua a leggere