Milano: 1.000 prese elettriche nei parchi

Oggi è una domenica pomeriggio di “pre-estate” e, avendo un po’ di arretrati, ho pensato di recarmi a lavorare a Parco Ravizza. Un’ottima idea dato che, a parte qualche zanzara (!), al fresco e col silenzio del Parco si sta bene e lavorare è rilassante. Dopo due ore però ho dovuto sospendere l’attività, e chiudere il computer (si era scaricato) e passare all’iPad con significative limitazioni.

Tutto perché nei parchi non ci sono le prese di corrente!

In questo momento sarei (come credo altre persone) anche disposto a pagare per una ricarica di corrente. 1€ per mezz’ora? Può avere un valore economico? Oppure si potrebbero sponsorizzare dei punti ricarica, impiegherei un minuto o due volentieri per leggere o interagire con dei messaggi pubblicitari per avere la mia ricarica e continuare a lavorare.

Perché ciò non avviene? Credo per pigrizia o inerzia del sistema. Proviamo a dargli una spinta? Ho lanciato una causa su Causes.com e facebook, se anche voi volete le prese di corrente nei parchi a Milano aderite e “fate un po’ di rumore” portando altre persone interessate, poi, strada facendo, ci organizzeremo meglio.

Trovi la causa qui:

Disclaimer: questa iniziativa è individuale privata e scollegata da Hagakure o qualsiasi cliente dell’agenzia per cui lavoro.

Advertisements

6 pensieri su “Milano: 1.000 prese elettriche nei parchi

  1. napolux

    Mmmmm… Esistono iniziative del genere al mondo?

    Ma soprattutto… Non ci sono problemi più urgenti da risolvere nei parchi pubblici milanesi?

  2. Marco Massarotto Autore articolo

    Napolux, ti rispondo sui due punti:

    – Estero, non lo so, ma ricordo vagamente qualcosa, ma non saprei: America? Danimarca? Negli aeroporti USA ci sono punti ricarica sponsorizzati da Samsung, perchè no potremmo averli nei parchi?)

    – Cose più importanti. Non lo so, per me è una cosa che mi consentirebbe di vivere di più e meglio i parchi e perciò mi dò da fare per questa 🙂

  3. Giulio

    Veramente anche negli aeroporti italiani ci sono i punti ricarica sponsorizzati (a Fiumicino sicuramente). Ma nei parchi… Più che per pigrizia o inerzia credo che la ragione per cui non esiste un servizio del genere sia l’impossibilità di installare in sicurezza prese elettriche all’aperto. Pioggia, umidità, e tutte le intemperie: praticamente cortocircuiti a manetta. Al primo bambino che si fulmina con una presa bagnata poi, l’ideatore verrebbe impalato pubblicamente.

  4. gregorio

    ci sono da anni piccoli pannelli solari autonomi usati per l’illuminazione notturna-forniti di un crepuscolare; hanno gia’ una batteria Li precaricata,per poi integrarsi con l’energia solare.si parla di lavoro a casa per vincere disagi ,disablita’ e tutto dedicato a quella che è una maggiore qualita’ di vita.la stessa qualita’ deve essere estesa anche al parco sicuramente.
    gregorio

    ciao

  5. Pingback: Prese di corrente e wifi gratuito nei Parchi di Vicenza. Sarebbe una buona idea

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...