Archivi categoria: Friends

Il Wi-Fi di parco Sempione a Milano

UPDATE 3: Guglielmo interviene e il WiFi adesso funziona… (vedi commenti)

UPDATE 2: Wow, sono finito su PuntoInformatico (qui)

UPDATE: nei commenti la risposta dei gestori della rete e altre esperienze…

-*-*-*-

Ieri sono stato a fare una simpatica gita di esplorazione urbana. Parco Sempione d’Inverno è bellissimo: quasi vuoto, finalmente si vedono sculture, palazzine e tutta la struttura del parco. Il motivo della gita però, era fare un WiFi PicNic. Cioè andare a testare la rete WiFi pubblica e gratuita di recente annunciata, assieme a me tre amici blogger ben più degni di me. Aprire una rete WiFi pubblica e gratuita è un segno di grande modernità e civiltà per un’amministrazione, e sono contento che finalmente Milano segua gli esempi di New York (qui), San Francisco (qui) e di tante altre città.

Armati dei nostri portatili, e curiosi di navigare seduti tra gli alberi, ci rechiamo al parco. L’esperienza è stata abbastanza deludente:

-l’iniziativa non è comunicata dentro il parco

-è necessario registrarsi ogni volta che si va, presentandosi alla Triennale o all’Acquario o al Bar Bianco con un documento per ottenere un codice di tre ore (cosa scomodissima, io vorrei passare, aprire il Mac, bermi un caffè leggendo la posta e andarmene…)

il nome scelto per la rete (che pare dovrebbe estendersi a tutta Milano) non è Wireless Sempione o WiFi Milano (come sarebbe ovvio), ma Guglielmo (?!?): sembra la rete di casa di qualcuno, cosa ne penseranno i turisti che sbarcano a Milano?

– Ma soprattutto nessuno di noi è stato in grado di connettersi!

Insomma, l’iniziativa è promettente, ma va migliorata. Se volete approfondire, vi lascio alla cronaca e alle scoperte di Elena (qui e qui), all’analisi tecnica di Matteo Flora – LK (qui) e alla pagella e alle foto di Wolly (qui)

Calzolaio…

Nelle ultime settimane ho dato vita al proverbio: “calzolaio, scarpe rotte” e ho scritto poco su questo blog. Ho lavorato molto, e ho partecipato a un sacco di incontri. E’ significativo che sia più facile seguirmi attraverso il blog della mia società (qui) che attraverso il mio. In compenso però ho incontrato, conosciuto e rivisto un sacco di persone. Girate per i loro blog (ammazza ma oggi hanno tutti un blog… 😉 ) e troverete qua e là racconti, foto, tracce e pezzetti delle mie ultime settimane. Per i menzionati, infine, un modo di scoprire nuovi blog/amici.

>

Aperitivo sul viral marketing

Mizioblog AKA Maurizio Ratti AKA Enfants Terribles AKA Ebola Industries

Mr White AKA Valerio Franco AKA Enfants Terribles AKA Ebola Industries

MiniMarketing AKA Gianluca Diegoli

Elisondo AKA Fede AKA Le Gatte di Via Plinio AKA HAGAKURE

>

Cene Da Wolly o a casa mia, ormai ribattezzata Hotel Pandemia o Unimagazine Village a seconda del pensionante

Pandemia AKA Luca Conti

Unimagazine AKA Roberto Chibbaro

DelyMith AKA Elena Franco

Gioxx AKA Giovanni Solone

PinkEmmy AKA non so se si sa già…

Marilù AKA Maria Lucia Strafella

>

Allo IAB Forum

Markettara AKA ho promesso di non dirlo…

LaLui AKA Luigina Foggetti

Deeario AKA Tony Siino AKA Blogitalia 1

Kokopelli AKA Vincenzo Caico AKA Blogitalia 2

BlogMeter AKA Sacha Monotti

NinjaMarketing AKA Mirko Pallera e Alex Giordano

FundRaisingNow AKA Paolo Ferrara

Mauro Lupi

MyMinutes AKA Daniele Alberti

MOD AKA Francesco Roccaforte

BarCode AKA Carlo Andrea Pattaccini

Blogosfere AKA Caterina Di Iorgi e Marco Montemagno

Yogasutra AKA Gianni Lombardi

Big Chief Design AKA Daniela Berto

>

E come non finire con:

Il personaggio Misterioso AKA Michele Clementelli

>

>

Se ho scordato qualcuno aggiungetelo nei commenti…

Zafferano e whiskas

Adesso provvediamo a stampare le insegne, come suggeriva Paolo ieri sera (qui): davanti a casa mia un bel cartello fucsia al neon: “Hotel Pandemia”, la soluzione low cost per i blogger in transito a Milano. Da un’alra parte di Milano, invece, campeggerà un cartello verde “Da Wolly”, risotti 2.0 con pistilli di zafferano e wi-fi incluso nel coperto.

Backlinkiamo le nuove conoscenze, va là: Gioxx, DelyMith, Marilu, ma soprattutto mettiamo la foto della mia nuova fidanzata: Chicca 🙂

IMG_0094-1.JPG

Ormai la gattina di Paolo mi riconosce si fa spupazzare senza fare tante storie. Cosa dite, li prendo un paio di gattini da tenere in casa?

Create polls and vote for free. dPolls.com

3 giorni fa era il Blog day: i miei 5 link

Blog Day 2007

Io ero a Venezia, in barca con Spike Lee a vivere un week end un po’ assurdo e molto piacevole. Recupero ora. Il blog day è un’ottima iniziativa. Ogni blogger è invitato a segnalare 5 blog che gli piacciono, conoscenza condivisa. Ne avevo già parlato l’anno scorso (qui e qui). Maggior informazioni le trovate sul sito (qui). E lo rifaccio quest’anno. Iniziamo…

Continua a leggere

Calabria’s Viagra

I just got back from an amazing long week-end near Tropea. I was staying at a friend’s villa, right on the beach, swimming pool, tennis court…

After 5 minutes I got there I was in charge of the kitchen and I had the chance to perform some experiments with Calabrian typical flavours: chili peppers (aka Calabria’s viagra, for their strength), Nduja (a super hot soft fresh salami) Tuna, Tropea’s Onions, fresh Provola.

A quick recipe for pasta with Nduja (out of this week-end most succesful experiment):

For 4 persons

150 gr of Nduja
500 gr of pasta (spaghetti or the kind you prefer, better long)
150 gr of bread crumb
tomato sauce (concentrated)
olive oil
400 gr of fresh ricotta

While the pasta is boiling, melt the Nduja together with the tomato sauce. While draining pasta add to the Nduja and tomato the fresh ricotta and stir. Pour the drained pasta in the pan with Nduja, tomato and ricotta, add olive oil, stir, add bread crumb stir and add a final touch of olive oil. Serve. Enjoy. Ricotta and bread crumb will smoothen Nduja strong taste.

730 giorni o 730 minuti?

Due anni fa, il 26 agosto 2004, Al Jazeera dava la notizia della morte di Enzo Baldoni. Da allora non si è saputo più nulla. Né di ciò che gli è veramente successo, né delle sue spoglie (più volte “Ritrovate!” secondo Maurizio Scelli, ma mai davvero).

Sono passati due anni e per tutti coloro che hanno vissuto la scomparsa di un amico sembrano passate poche ore. Non solo dal dolore della notizia, ma soprattutto dal calore della sua presenza.

Oggi sul suo Blog e’ stato pubblicato il testo di una canzone che Samuele Bersani gli ha dedicato.

Enzo avrebbe detto: “Sono solo canzonette!”, ma questa canzonetta e’ per lui.