Archivi categoria: Politica

Where the Hell is Munnezza – L’uso buono della Rete per protesta.

Nei giorni scorsi si è parlato molto (troppo e spesso a sproposito IMHO) di SpiderTruman e I segreti della Casta, un blog anonimo, fortemente sovrapposto come messaggio a San Precario e che si sta rivelando una manovra politica dai contorni blurred. Trovo che invece di creare personaggi patacca, di riciclare in modo poco preciso contenuti poco attendibili, di alzare i toni il modo migliore di usare la Rete per un movimento di protesta sia la via dell’intelligenza, dell’ironia, dello spirito collettivo, del metterci il nome, la faccia e la voglia di cambiare.

Questo video riprende un virale storico http://www.wherethehellismatt.com/ e ricollocandolo tra il pattume di Napoli lo arricchisce di un nuovo senso: poetico, civico, creativo. Il Remix come nuova forma globale e interconnessa di creatività. Questa è la Rete, l’Italia e la Napoli che ci piacciono, credo di non essere il solo a pensarlo, vero?

La Wikileaks de Noantri: I Segreti della Casta.

UPDATE 21/07: A quanto pare e come sospettato da subito, non era nessun insider o precario vendicativo, ma un’operazione politica del “Popolo viola” alias Italia dei Valori: http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/07/19/caso-spidertruman-la-rete-prova-a-smascherarlo-capire-se-le-denunce-sono-vere/146308/ insomma una patacca. Allarmante anche l’ingenuità di molta stampa. (1 | 2). Se così fosse, poi, sarebbe interessante che IdV dicesse cos’ha fatto o cosa farà dei soldi ricavati con gli AdSense del blog, ottenuti diramando informazioni false (la storia dell’ex dipendente).

Sulla pagina facebook che in due giorni ha raggiunto quasi oltre 100.000 200.000 LIKE l’anonimo autore si dichiara uno che “Licenziato dopo 15 anni di precariato in quel palazzo, [ha] deciso di svelare pian piano tutti i segreti della casta”  o magari è un parlamentare insider come l’imprenditore che twittò dall’Assise di Confidustria. O un attacco di qualche forza politica in stile greenpeace, solo occulto e anonimo?

L’attenzione quasi ossessiva a meccanismi di back up “apro il blog se mi chiudessero facebook”, “apro twitter se mi chiudessero il blog…” puzzano di strategia di comunicazione e non di precario licenziato. Ad ogni modo questo blog promette di essere un fenomeno politico interessante, nelle prossime settimane. Non solo per l’attenzione che ha sollevato, ma perché l’autore si dimostra intenzionato a pubblicare i materiali che rivelano segreti e indiscrezioni più o meno noti e accessibili (e attendibili) di Montecitorio.

Poco importa se queste informazioni erano conosciute o meno, ha bucato, grazie al web e ora aspettiamo tutti il prossimo tariffario, come con Wikileaks aspettavamo il “next cable”. Fatte le debite proporzioni, ovviamente e considerato che si tratta di due cose completamente diverse: da un lato un’organizzazione che ha pubblicato documenti ricevuti da fonti anonime per proteggerle, qui delazione di tariffari e scontrini. Se Assange, infatti, ci ha consegnato documenti che riguardavano la geopolitica, qui parliamo di furbetti che si fanno rimborsare il computer facendo finta di esserne stati derubati o barbieri pagati come dirigenti d’azienda. Insomma siamo provinciali anche negli scandali. Ad ogni modo va sottolineato che è arrivata anche in Italia la forza erosiva di Internet come antipolitica, dopo Milano e dopo il domino di dittature nordafricane, anche nel Bel Paese cominciamo a sentire gli influssi e il potere della Rete.

Leggi il blog i”I segreti della Casta”: http://isegretidellacasta.blogspot.com/

Facciamo anche un sondaggio, secondo voi chi c’è dietro?

Hunger strike hits Social Media (not a big hit, though…)

[Image from the tweet announcing the hunger strike

This post is in English because I think the case in discussion is “a first” at international level. The case and most of the links, although, will point to material in Italian.

HUNGER STRIKE ON SOCIAL MEDIA – DAY 1 (nov 13th)

Paola Caruso declares to be a Corriere della Sera (Top Italian Newspaper) seven year “temp” (temporary collaborator, in Italian “precario” “collaboratore”). She is an active user of Social Media with an average to heavy user profile (a few hundreds friends, various accounts, barcamps and so on…). Yesterday (saturday november 14th) she claimed on a Tumbr with her name to have started a Hunger and Thirst strike generating instantaneous and highly worried reactions among her friends who convinced her to drink some water before 24 hours had passed. On sunday morning she declares to be still on hunger strike, although no objectives of her protest have been set. The discussion has flooded the italian blogosphere and social networks wit the tags #iosonopaola (I am Paola) #paolaprecaria (Paola “temp”) #stopcorsera4paola (Boycott Corriere dellaSera for Paola). Italian bloggers took part in the protest by suspending their site redirecting to her tumblr, rather than hosting banners to support her. Some are at Paola’s apartment liveblogging as I am writing. Aggregators have opened a special section, the news are slowly picking up the case. I don’t recall similar cases worldwide, if you do please add in the comments.

HUNGER STRIKE ON SOCIAL MEDIA – DAY 2 (nov 14th)

No sign of reaction from the italian newspaper after 36 hours, highly emotional debate among the bloggers, at first analysis it appears as a very unprepared and unorganized initiative.  I’ll update the post in case of relevant news.

Update 18:15 hrs The italian Journalist ha announced on her tumblr that she had a cup of cofee but she keeps going on wit the hunger strike and that she has been in touch with her newspaper. She posted another picture of her on the scale, weighing almost a Kg less:find it hereThe reason of the strike would be the fact that a young journalist, just graduated from journalist school ( A rookie ” – “un pivello” – as Caruso defined him) would have gotten a contact she was hoping to have. The thing is all over the italian blogosphere and statusphere which lack of trending monitoring tools. On Google, for her name there’s a significant “competition” between her and a showglirl bringing the same name. Some minor mainstream media bloggers picked up the news while almost 200 blogs are discussing the matter, some very critically on Caruso’s behaviour now.

Update 21:45 hrs News don’t pick up the hunger strike, senior bloggers share strong ugly doubts on Caruso’s behaviour. The most relevant news blog (Il Post) is beginning to share doubts on the whole hunger strike thing, quoting a news agency (ANSA) declaration (also appeared on the newspaper facebook page) of Corriere della Sera chief editor Ferruccio De Bortoli who said: to know nothing of any request from Caruso, otherwise he would have had a meeting with her and inviting her to get back to a reasonable attitude and offering dialogue. De Bortoli also denies the hiring of a young journalist, stating he had a “temp” contract as well. The thing starts to look grotesque: the bloggers are on fire, nobody else takes the thing into consideration. The official news system is ignoring the thing, the involved newspaper minimizes. The italian blogosphere emotivity has generated facebook pages, campaigns, Twibbons and any other social campaign tool, but all this call to action has no answer outside friendfeed and some inner blog circle. It’s sunday night: tomorrow morning we’ll see how the news system will react. Meanwhile a lot of exposure is drawn on a single person.

Update 22:30 hrs Caruso writes on her blog an open letter to Ferruccio De Bortoli that the info she has regarding the contract of the new hired are different: she claims (and later says again) that since this (yet unnamed) guy would have had access to a-so-called “desk” contract he has to have been hired (“assunto”), according to internal agreements. The point is that the Corriere della Sera couldn’t “hire” according to another union crisis agreement called “stato di crisi”. (“Forse mi sono sbagliata sul tipo di contratto della new-entry, mi fa piacere sapere che i nuovi co.co.co. abbiamo accesso al desk. A me non risulta.“). She also says that she actually sent an email to the editor in chief (“In realtà le avevo scritto una mail per avvertirla della mia forma di protesta, ma capisco che può esserle sfuggita.“). Gossip says the editorial board of Corriere della Sera (“comitato di redazione”) has spent the sunday in a meeting and new developments will emerge during the week.

[Clearly this is turning into a labor-legal issue I’m not the right person to talk about as I’m not in the know of too many technical aspects. My interest was in putting on the record a “social media empowered” hunger strike, and the communication analysis regarding it: I will update only on this matter from now on.]

HUNGER STRIKE ON SOCIAL MEDIA – DAY 3 (nov 15th)

Caruso posted an update showing she lost 1.7 kilos. The bloggers support is wide and still intense, although some critics to the behaviour get more strong, turning into flames. Caruso in two days gained some 400 followers on Twitter and she keeps answering to thousands of posts and comments. Google blog search now spits out 617 posts. Google News always gives back less than 10 minor news sites talking bout the hunger strike, the only one with a minimum fame is Affari Italiani. The news system is deliberately ignoring Caruso’s hunger strike or not thinking it’s news, at this point we can say for sure.

A certain degree of mastery of social media and blog dynamics has to be credited to Caruso, she definitely showed she can touch the right strings in posing as a weak girl, streaming her scale’s pics showing daily her weight loss and sharing tears and a certain sense of final choice (she keeps repeating she will never work again in a newspaper) that make her an almost perfect anti-hero.

HUNGER STRIKE ON SOCIAL MEDIA – DAY 4 (nov 16th)

No sign of life from the official press, which, at this point, is deliberately (and probably wisely) denying the thing. The bloggers start continuos flames whether it was a good idea or just a person try to gain visibility without a cause or simply giving in to a moment of weakness.

HUNGER STRIKE ON SOCIAL MEDIA – DAY 5 (nov 17th)

Caruso announces to suspend the hunger strike. The day after she will meet the chief editor of Corriere della Sera Ferruccio De Bortoli, who will claim to have answered to all the emails and who reassured Caruso that “she can keep her job”. A happy ending which didn’t change Caruso’s position (for as much as is given to know), didn’t force the Corriere della Sera to any change of position and had no impact whatsoever in public opinion except for the bloggers continuos flames, still lasting, as a demonstration that probably they didn’t pick the right battle. It’s true that the debate has been brought to the bloggers attention, though, but in such a manner that kept it inside the italian blogosphere’s inner circle, with no spread through social networks or mainstream press, therefore making it relevant only to a minority of people, who will hardly make any effect or a point in the italian labor law debate.

The only significant effect appears to be the demonstration that a highly emotional/political happening as a hunger strike can have a great potential if amplified through Social Media, given that it had solid grounds in order to break into the news system. In a word: don’t try this at home.

YouTube: presidenti a confronto.

È talmente reale ciò che arriva attraverso la rete e YouTube che diventa quasi imbarazzante. Attraverso il web arrivano senza filtri le opinioni delle persone, la vita delle aziende senza il maquillage degli spot e anche la voce dei politici, senza calze sulla videocamera e senza l’artefatto delle tibune politiche. Ecco come si presentano su YouTube i presidenti degli Stati Uniti d’America Barack Obama e dell’Italia Giorgio Napolitano.

Barack Obama

  • Diretto (con un video fatto ad hoc per YouTube)
  • Vicino (sorride, ha una presenza calda)
  • Chiaro (parla guardando in macchina, in un linguaggio semplice e coi sottotitoli)
  • Aperto al dialogo (spiega le sue decisioni e accoglie centinaia di commenti)
  • Ordinato e curato (un canale curato sin nei minimi dettagli)

Giorgio Napolitano

  • Riciclato (sono tutti spezzoni TV caricati su YouTube)
  • Distante (è sempre ripreso da lontano, a volte con macchina traballante e in pose che ne evidenziano l’età)
  • Retorico (parla per la TV, per luoghi comuni, non alla gente)
  • Disinteressato al dialogo (commenti disattivati)
  • Trascurato (un canale approssimativo in tutto, dalla grafica ai testi)

Insomma il confronto è impietoso, e i difetti sono tutti imputabili a una gestione del canale che si dimostra priva di obiettivi e di conoscenza della rete, sembra quasi che il canale sia stato aperto per prendersi della facile copertura stampa in occasione del messaggio di Natale del 2009 e che ora vivacchi semiabbandonato, dando al paese l’ennesimo disservizio e contribuendo a consolidare un’immagine dell’Italia come paese tecnologicamente arretrato, pressapochista e vecchio.

[UDC->UGC] Chi scrive i cartelloni elettorali nel 2009? The people. – – – Updated

Il fatto.

Un blogger tecnologicamente dotato come Paul The Wine Guy (il nick è una citazione di Friends), realizza uno script per “riscrivere” i cartelloni elettorali di Pierferdinando Casini. Il sistema é semplice, basta immettere tre parole che inizino per U-D-C e il gioco pubblicitario scende dalle affissioni e sale sulla giostra del web. Il “diritto” a giocare con le iniziali del partito U-D-C non è più solo dei copywriter dell’agenzia dell’UDC, ma adesso è di tutti. Grazie a Paul The Wine Guy, ma soprattutto grazie alla Rete…

Continua a leggere

Su facebook, privacy, Obama, politici, aziende, ADV, fiducia… (+ TRADUZIONE)

…insomma un po’ tutte le cose di cui si parla e si dibatte anche da noi riguardo il social network che conta ormai circa 6 milioni di italiani che almeno una volta ci sono passati.

Di facebook qui in Italia se ne dibatte a volte con poca cognizione di causa (pare ci siano politici italiani che su facebook ci vogliono andare, ma “solo in prima pagina!“) o con troppi tecnicismi, spesso facendo molta confusione o sollevando inutili conflitti tra media. Quale opinione migliore di quella di chi facebook lo ha creato? 

Mark Zuckerberg , il fondatore e CEO di facebook.com, risponde (ovviamente in inglese) a tutte le vostre domande su facebook durante un’intervista rilasciata al DLD09

GUARDA IL VIDEO (in inglese, HD 37′ 59″)

Io trovo interessante che Zuckerberg faccia continuo riferimento al concetto di Trust (fiducia) e al fatto che viviamo in un sistema di relazioni in cui ognuno di noi è arbitro (e responsabile) della fiducia che riversa nelle proprie relazioni (offline e online).

Quanta parte della popolazione italiana è in grado oggi di riconoscere a quali servizi dare fiducia sul web? E a quali persone con quali conseguenze? Personalmente ho sempre ritenuto e sostenuto che il problema è un problema di cultura/literacy digitale, a prescindere dal servizio di moda del momento (un anno fa youtube era il ricettacolo di ogni male, ora non se ne parla più).

Una maggior diffusione della cultura digitale aiuterebbe le persone, i politici e anche le aziende a usare meglio un mezzo nuovo sia a protezione della loro immagina sia come potente strumento di promozione.

—————————————————————

ALCUNI PUNTI DEL DISCORSO DI MARK ZUCKERBERG TRADOTTI IN SINTESI

1) La crescita vertiginosa di Facebook e il paragone con MySpace

02’00”-03’00” circa – […] le ultime statistiche ci danno più di 150 milioni di utenti worldwide. Credo che facebook e MySpace siano molto diversi. MySpace la vedo più come una media company, mentre noi vediamo facebook come una “technology company” che aiuta la gente a comunicare meglio e condividere meglio le informazioni”. Cerchiamo di sviluppare facebook proprio per agevolare questo: lo scambio di informazioni e per rendere il mondo un posto più aperto e trasparente. […] 

09’00”-09’30” circa […] c’è questo nuovo trend per cui le persone condividono sempre più informazioni, ma in modo sempre più frenetico e frammentato. Pubblicano piccoli pezzi di informazioni, di vita in modo molto veloce e semplice. […]

10’30”-11’00”   […]  Questo è lo scopo di facebook, della nostra azienda: dare alla gente il potere di condividere e rendere il mondo un posto più aperto e trasparente. (ha davvero ripetuto le medesime parole N.d.R.) […]

2) La privacy e il controllo dei dati

11’20”-11’45”  […] Abbiamo sempre fatto di tutto per dare alle persone il controllo sulle loro informazioni e la loro privacy. Credo questo sia la ragione del nostro succeso in Germania, per esempio. (l’intervista ha luogo in Germania N.d.R.) dove le persone sono molto attente alla privacy. La filosofia di facebook è sempre stato pensare che la gente ha voglia di condividere più informazioni, se può scegliere esattamente con chi condividerle. […]

13’00”- 14’00” […] E’ sbagliato pensare che, siccome abbiamo molti dati dei nostri utenti, siamo tentati di farne un uso distorto. Per due motivi: il primo è che il mondo ormai è trasparente, la cosa si saprebbe subito e la gente smetterebbe di usare facebook. Ma il motivo più importante per cui non ha senso che lo facciamo è che più siamo in grado di trasmettere fiducia alle persone più facebook cresce, quindi è contro il nostro interesse  non rispettare le informazioni e la privacy. […]

14’10”- 15’30” […] Ci sono moltissimi utenti che usano i Privacy Settings per modificare i loro dati o la visibilità di quei dati. In particolare troviamo importante che si diffonda la consapevolezza di poter controllare i propri dati e che è facile farlo.[…] (Qui, a mio avviso, stenta un po’. Sa molto di risposta pronta, ma probabilmente si può comunicare meglio e di più la possibilità di limitare l’accesso alle proprie informazioni. Ovviamente facebook vive tra due spinte, quella etica e quella di massimizzare la condivisione, e quindi la partecipazione e il successo. N.d.R.).  

3) Le foto e i tag

16’20”- 17’30” […] Il discorso delle foto riguarda un punto fondamentale delle dinamiche umane. Le foto su facebook funzionano così: si può caricare una foto dove ci sei tu, taggarti e tu, in caso, puoi successivamente rimuovere il tag. Se uno pubblica una tua foto sulla tua pagina, tu puoi rimuoverla. E comunque la possibilità di taggarti ce l’ha solo la gente che è tua “amica”, con cui ti sei connesso e di cui ti fidi. Ma la vera domanda è: nella vita reale se io ti dò una foto tu puoi darla a qualcun altro, giusto? Su facebook noi privilegiamo chi carica l’informazione, il quale ha diritto a impedire agli altri di ridistribuire un’informazione, un contenuto, una foto. […]

18’40”- 19’10” […] Il punto fondamentale è la fiducia. E’ ovvio che è impossibile per facebook fare da “poliziotto” per tutti. Bisogna che impariamo a riconoscere i nostri veri amici e di chi fidarci. Ovviamente interveniamo subito se qualcosa di illegittimo viene pubblicato, ma se qualcuno ha diritto a pubblicare un’informazione o una foto non possiamo farci niente.  […]

20’10”- 21’15”  […] Ognuno decide per sè quanti e quali amici avere su facebook, se avere solo amici che conosce di persona o aggiungere sconosciuti. Il concetto di fondo è il Social Graph, la mappa sociale delle persone. Vista la velocità con cui oggi, grazie a Internet si diffondono le informazioni, trovo che uno strumento che ti consente di controllare con chi condividere le tue informazioni sia molto importante. […] (anche qui Zuckerberg circumnaviga intorno al punto, la domanda era: dobbiamo essere più attenti a chi scegliere come amici su faceboook? – N.d.R.)

4) Facebook e le aziende

22’15” 23’00”–  […] Ci sono molti modi in cui le aziende possono raggiungere le persone su facebook. Ci sono le pagine di prodotto. Molti usano dei finti profili di persone, altri sviluppano applicazioni. Lo scopo è poter contattare le persone, scrivere loro un messaggio, entrare nel loro flusso di news. Ci sono due applicazioni che fanno questo su larga scala, una è ILike (dedicata alla musica) e una è Causes, dedicata al sociale, che consente alle persone di diffondere consapevolezza e raccogliere soldi per varie cause.  […]

24’30” 25’20” […] Il concetto di fondo è che costruire una connessione con una persona (che sia da un profilo, da un pagina, da un gruppo) è un valore. Una persona con cui si è connessi, infatti, la si può contattare quante volte si vuole (o finché si stufa e ci elimina come amici N.d.R.). Questo cambia i modelli di marketing su Internet, basati sul clickthrough (se una persona clicca il mio annuncio pago). Qui invece è completamente diverso, se ho una connessione con una persona questa può “cliccare” o attivarsi con me un numero indefinito di volte, dipende dalle mie capacità relazionali. […]

5) Facebook Connect

25’50” 27’00 […] Facebook Connect è la vera evoluzione di facebook. Sin dall’inizio abbiamo dato alle persone la possibilità di costruire applicazioni, veri e propri “pezzi” di facebook, ma abbiamo subito messo in chiaro che presto avrebbero potuto fare lo stesso anche al di fuori di facebook. Spesso molte persone vogliono fare entrambe le cose: costruire uno spazio legato a facebook, ma esterno dove posso controllare il dominio, la grafica le funzioni etc etc, e contemporaneamente, costruire qualcosa dentro facebook, in un ambiente che la gente conosce e di cui si fida. Credo che facebook connect sarà sempre più importante, abbiamo già centinaia di migliaia di sviluppatori che usano la piattaforma di facebook e che useranno facebook connect. Ci concentreremo molto su questo nel 2009. Filosoficamente vogliamo dare a chiunque la possibilità di condividere informazioni con lo stesso controllo che hanno dentro facebook sia che siano dentro sia che siano fuori. […]

6) Facebook e revenue

27’20” 30’20”  […]  Ho sempre detto, anche l’ultima volta che ero qui in Germania (l’intervista ha luogo nel 2009 in Germania N.d.R.) che non stiamo pensando agli incassi, ma alla crescita e alla diffusione di facebook: questo è il nostro obiettivo. Non ci piace parlare molto di soldi, e non solo perché siamo una società privata e quindi per definizione siamo riservati. Non lo facciamo anche perché siamo in un momento storico in cui la gente pensa troppo ai soldi, mentre io voglio ricordare a chi lavora in facebook che siamo uno strumento di comunicazione. Comunque siamo molto soddisfatti, i proventi vengono principalmente da due attività. La prima sono le vendite di advertising, abbiamo iniziato negli Stati Uniti e lavoriamo con 2/3 dei più importanti advertisers e stiamo aprendo in tanti altri paesi. L’altra attività sono le vendite di ads online, per cui anche un privato può comprare dei piccoli annunci. Ci aspettiamo una  riduzione della crescita, dovuta alla contingenza economica, ma, appunto, si tratterà solo di una crescita meno forte, ma comunque di crescita.  […] 

7) Facebook e la politica

32’30” 33’30”  […] La cosa davvero unica della campagna di Obama è stato l’uso diffuso di diversi strumenti dei cosiddetti social media. In questo modo Obama ha comunicato direttamente con le persone, in un modo molto democratico, senza passare per altri media. Ha usato moltissimi servizi, ma quello su cui ha avuto il maggior numero di contatti è facebook. Credo che ora ne abbia 4 o 5 milioni: una cifra incredibile. Il punto è la capacità di comunicare direttamente con le persone, inserendo messaggi nel loro flusso di news, nei loro messaggi privati e potendo continuare un dialogo nel tempo.   […] 

8 ) Facebook e la società

34’10” 35’20”  […] Quando siamo partiti con facebook non immaginavamo nemmeno lontanamente questo tipo di diffusione. E’ fantastico vedere come il mondo si stia muovendo verso un maggior desiderio di condivisione e verso una maggior apertura e trasparenza (E tre! N.d.R.). Pensando a queste dinamiche non mi sorprenderei di vedere facebook crescere molto ancora. Oggi le persone possono collegarsi e parlare e scambiarsi informazioni tra di loro, invece di dipendere da un giornale. Ciò significa che le persone stesse possono organizzare movimenti, iniziative, relazioni. Possono informarsi e decidere in quale ristorante andare o interagire con un governo e scegliere assieme come regolare la vita pubblica. Penso che vedremo sempre più di questi fenomeni in un mondo sempre più aperto e trasparente (E quattro! N.d.R.) […]

—————————————————————

In conclusione Mark Zuckerberg tiene il palco e risponde alle domande con una prontezza, una maturità e un senso etico straordinario per avere 24 anni. Ogni tanto sembra un po’ “programmato“, ripete dei mantra in gran parte condivisibili, ma a volte un pelo distaccati dalle domande. Allargando il punto di vista, a mio modesto avviso, emergono due considerazioni:

-mediaticamente e dal punto di vista dell’informazione ci stiamo muovendo su delle direttrici che hanno accelerazioni troppo forti in questo momento perché chiunque possa pensare di averne il controllo o una visione del punto di arrivo

-in Italia siamo un paese di vecchi: il fondatore di facebook ha 24 anni, Obama 47, assieme ne hanno 71: meno del Presidente della Repubblica o del nostro Presidente del Consiglio che è anche presidente della più importante media company italiana. Se non costruiamo un sistema paese in grado di produrre innovazione, invece di conservazione conteremo sempre di meno.

 

video visto su Social Media Corner

Obama come la Coca Cola?

Il 2009 sarà l’anno di Obama. Tra meno di tre settimane si insedierà alla Casa Bianca. Una piccola curiosità: stasera, leggendo il blog di amici, mi sono imbattuto in un vecchio commercial della Coca Cola, uno storico: quello degli “Auguri, Coca Cola… e poi…”. Mi sono guardato la versione originale, in inglese, molto più emozionante nelle parole di quella italiana (grazie Internet:-) ).

A un certo punto mi è tornato in mente “Yes, We Can” il video di Will I Am e molte altre rock star girato per Obama, durante l’appena trascorsa campagna elettorale.

La canzone pubblicitaria della Coca Cola (un grande classico) è del 1971 (QUI), eppure ha delle fortissime analogie e utilizza tecniche quasi identiche al modernissimo video di Obama (2008), provo a elencarne alcune, magari a voi ne vengono altre…

– Orecchiabilità

– Montaggio alternato scene di gruppo/primi piani

– Multietnicità

– Coralità

– Collettività

– Senso di unità/appartenenza

– Sogno

– Cosmopolitismo / Senso di leadership mondiale

Insomma dopo 37 anni l’America crede ancora negli stessi valori, cambia solo un po’ il ritmo?